Wear sustain: dall’UE il finanziamento che rende la moda sostenibile attraverso la tecnologia

La tecnologia può aiutare la moda ad essere più innovativa e sostenibile allo stesso tempo? Ne è convinta Wear sustain, iniziativa che ha beneficiato dei fondi del progetto UE Horizon 2020 e che mira a favorire la ricerca e lo sviluppo di una moda più etica e sostenibile attraverso tessuti innovativi e digitali. 

Costituitosi sotto forma di consorzio, Wear sustain è composto come un vero e proprio ecosistema, unico in Europa, che riunisce persone, aziende e progetti interessati allo collaborazione, la connessione e la condivisione di pratiche virtuose, sviluppi tecnologici e approfondimenti su abiti e tessuti del futuro che strizzano l’occhio alla sostenibilità e al benessere ambientale. Attraverso la collaborazione tra artisti e designer con esperti di tecnologia e ingegneri si passa dall’idea al prototipo, dalla sviluppo alla produzione. 

Tessuti 100% biodegradabili ricavati dalle radici dei funghi; tecnologie applicate ai capi sportivi per supportare l’utente nel regolare il proprio respiro, abiti e accessori in grado di impattare positivamente sugli stati d’animo di chi li indossa sono solo alcuni dei prodotti ideati. 

Nel 2017 sono stati selezionati 22 progetti, lo scorso gennaio, invece, si è chiuso il secondo bando per scegliere gli ultimi 26 progetti da finanziare: in autunno saranno presentati i prodotti finali di tutte le squadre coinvolte.