Rapidi, efficienti...E ambidestri. Arrivano dalla California i robot del futuro

DexNet-4.0_Sito.png

Quello dell’e-commerce, si sa, è un settore che al momento non conosce crisi anzi, potrebbe trovarsi di fronte una svolta di dimensioni epocali: i robot sono diventati ambidestri, una novità destinata a rivoluzionare l’organizzazione di molte aziende del settore retail.
 
Il team guidato da Jeffrey Mahler dell’università californiana di Berkeley ha messo a punto un sistema di algoritmi, denominato Dex-Net 4.0, che permette agli automi di risolvere quei limiti che impedivano loro di utilizzare entrambe le braccia e afferrare oggetti di forme estremamente diverse tra loro.
 
Attualmente i sistemi robotici utilizzati nei maggiori centri per l’e-commerce si affidano a pinze con ventose, che ovviamente non sono in grado di afferrare ogni tipo di oggetto. L’approccio ideato dai ricercatori della California prevede due diversi tipi di pinze – una con ventosa, l’altra a punte parallele – e si basa sul meccanismo della ricompensa: per ciascun tipo di pinza, il robot quantifica la probabilità di successo, scegliendo rapidamente quale usare. In questo modo i due bracci robotici possono afferrare, da ambidestri, ogni tipo di oggetto.
 
Dopo aver applicato il nuovo programma sul robot, il team di ricerca ha sottoposto la macchina a un addestramento che prevedeva la raccolta di oggetti sconosciuti. Sfruttando il nuovo sistema, l’automa ha utilizzato entrambe le braccia robotiche per raccogliere oltre trecento oggetti in un’ora con un’affidabilità del 95%.
 
I risultati del lavoro sono stati pubblicati sulla rivista Science Robotics e potrebbero presto mettere il turbo al commercio elettronico, grazie a macchine decisamente più efficienti, in grado di percepire gli oggetti e l’ambiente circostante (quasi) come noi umani.