Mercato unico digitale: quali vantaggi per l’agricoltura? Se ne parla a Bruxelles

Il mercato unico digitale europeo - il progetto che punta a implementare e favorire nuove  opportunità in campo digitale e che permetterà anche la libera circolazione di persone, servizi e capitali all’interno della comunità europea - è ancora in fase di definitiva realizzazione. L’obiettivo della Commissione Junker è quello di chiudere entro il 2018 il quadro legislativo che permetterà di avere un’area comune UE in materia di digitale e tecnologia (tra gli obiettivi da raggiungere, per esempio, c’è l’aggiornamento della legislazione sul diritto d’autore e dell’e-privacy o la definizione degli standard tecnologici condivisi a livello comunitario). 

Il mercato unico digitale offre, inoltre, una serie di opportunità di sviluppo in campi economici di rilievo come quello agricolo o delle catene di valore alimentare, permettendo di migliorarli in efficienza e connessione. 

È in questo contesto che si inserisce  l’evento in programma il 17 novembre presso la Commissione Europea dal titolo esplicativo "Digitising agricolture and food value chains" e che mira a far luce sui progetti e sulle esperienze di successo nel campo della digitalizzazione agroalimentare.

La conferenza riunirà rappresentanti del settore, fornitori di tecnologie digitali, scienziati e responsabili politici nazionali e regionali per discutere le possibilità concrete per trarre vantaggio dalle iniziative messe in campo grazie al mercato digitale europeo. Tra gli obiettivi principali dell'incontro quello di aumentare la consapevolezza sul campo delle tecnologie digitali più innovative e come esse possono essere applicate all’agricoltura, alle catene di valore alimentare e alla nutrizione stessa. Oltre ad offrire l’opportunità di networking ai membri della comunità di innovatori scientifici, agricoli e alimentari. 

Siamo curiosi degli sviluppi e saremo pronti a raccontarveli.