Mai più jeans della taglia sbagliata: ci pensa il body scanning!

Gli abitué dello shopping online conoscono bene la sensazione provata nel momento in cui viene aperto il pacco contenente l’ultimo acquisto. Eppure, per qualche strano motivo, quel top, quella gonna, o quei jeans che nelle fantasticherie più sfrenate sembravano calzare a pennello, una volta su tre sono troppo piccoli (o troppo grandi). Nonostante la stragrande maggioranza dei siti di shopping online sia ormai munita di tabelle in cui sono esplicitate tutte le misure (petto, giro vita, fianchi), il problema della taglia sbagliata continua ad affliggere una grande quantità di shopping addicted.

Tra questi vale la pena di annoverare anche Yusaku Maezawa, divenuto (quasi) miliardario grazie a un’invenzione che ben presto potrebbe rivoluzionare il concetto di shopping online. Di recente ha annunciato che la sua giovane azienda (Start Today Co.), che da qualche anno rifornisce il noto sito di moda Zozotown, inizierà a distribuire una nuova tuta aderente in grado di misurare con precisione le proporzioni di una persona. Come funziona? Semplice: basta indossare la tuta e “auto-scannerizzarsi” con lo smartphone che, tramite un’app, genera una versione del corpo tridimensionale. Da lì basta fare un salto su Zozotown e iniziare un’esperienza di shopping...completamente rinnovata!

La Zozosuit è dunque la grande scommessa di Yusaku Maezawa. L'idea di base è quella di conquistare chi già acquista online liberandolo dall’incubo del reso degli acquisti sbagliati, e nel contempo attirare quei potenziali clienti finora scoraggiati dallo shopping online. A conferma delle sue rosee aspettative, lo scorso mese Maezawa ha pubblicato su Bloomberg una timeline della durata di 10 anni, con previsioni che vedono il valore di mercato della sua compagnia aumentare di oltre cinque volte, arrivando a circa 46 miliardi di dollari. 

«Senza bisogno di provare nulla (e senza pensarci troppo) riceverete a casa qualcosa che vi si adatta perfettamente», ha detto Maezawa durante una conferenza stampa a Tokyo, indossando uno delle sue tute «con questa invenzione rientreremo tra i primi 10 produttori di abbigliamento a livello globale».

Quella delle taglia perfetta è una questione che molti retailer online hanno preso seriamente: lo scorso anno Amazon ha acquistato Body Labs, una startup di scansione del corpo in 3D che consente agli utenti di creare un proprio avatar digitale e di fargli provare dei vestiti virtuali. Intanto Maezawa ha affermato che punta a vendere le Zozosuit in oltre 70 Paesi entro luglio, distribuendo dai sei ai dieci milioni di pezzi. Ce la farà?