Magazzino Automatico Autoportante: Il sisma

Era il 21 settembre del 1999 quando a Taiwan una scossa di terremoto del 7.6 grado provoco’

  • 2.416 morti
  • 11.441 gravemente feriti
  • 9,2 miliardi di dollari americani di danni
  • oltre 100.000 senza tetto

si trattò del Terremoto Chichi o Terremoto 921.

In quel periodo lavoravo per una società italiana che realizzava magazzini automatici pallet per il mercato estero e, a Taiwan, avevamo molte applicazioni. Due giorni dopo il terremoto fui mandato in “missione” per vedere i danni riportati ai nostri magazzini automatici. Visitai tutti i nostri clienti attraversando l’isola di Taiwan per verificare i danni del terremoto sulle strutture dei magazzini automatici autoportanti.

Fu una occasione professionale ed umana incredibile. Le scosse di assestamento continuarono per tutto il periodo che trascorsi li, la notte era veramente difficile riuscire a dormire agli ultimi piani di hotel che non si capiva come avessero fatto a rimanere in piedi.

Se avete la curiosità di capire cosa vissi  … date un occhio qui foto terremoto 921

Fortunatamente la maggior parte dei nostri magazzini automatici aveva resistito a quel terribile sisma. Lasciai quella terra sperando ed augurandomi di non vedere mai piu nulla del genere … così non è stato!

20 maggio 2012

intorno alle prime ore del mattino sono stato svegliato da una scossa di terremoto di quelle che in Italia si sentono raramente.

Mi sono svegliato ed ho avuto il tempo di ricordare la mia esperienza a Taiwan … penso sia stato subito chiaro a molti che una scossa così non avrebbe potuto passare senza fare danni. E così è stato.

Già alle prime ore del mattino arrivano le notizie e si contano i feriti, i morti, e i senza tetto.

Poi ecco arrivare dai mezzi di informazione immagini che mi riportano a quel lontano 1999, le immagini di un magazzino automatico autoportante distrutto dal sisma … ma questa volta … qui, vicino a casa. Solo la fortuna ha voluto che non vi fossero morti in questo cedimento.

Non ci sono parole, non ho voglia di commentare … ho semplicemente voglia di riservare un pensiero, una preghiera, a quelle persone che ora non sono più qui con noi, e a quelle che stanno soffrendo a causa di questo evento.