L’albero di Natale diventa intelligente e dialoga con chi lo osserva

Lalbero-di-Natale-intelligente_Sito.png

Addio care e vecchie lampadine intermittenti! Il Natale 2.0 si anima di intelligenza artificiale! Nel quartiere milanese CityLife, modernissimo distretto dello shopping, l’albero si “decora” con le emozioni dei passanti grazie all’ultimo processore firmato Huawei.
 
Come funziona questo albero intelligente? Il suo cuore tecnologico è il nuovo processore Kirin 980, il primo sistema su chip (SoC) di soli 7nm che supporta applicazioni di produttività e intrattenimento di nuova generazione. La grande novità è la doppia NPU, un insieme di microprocessori progettati per fornire accelerazione hardware a reti neurali artificiali, visione automatica e algoritmi di apprendimento automatico per la robotica, l’internet delle cose e altre applicazioni basate sull’uso dei dati. 
 
Grazie a questa tecnologia l’esperienza AI è implementata con una maggiore potenza di elaborazione e intelligenza, che si traduce nella capacità di riconoscimento di 4.500 immagini al minuto, con un incremento del 120% rispetto al processore precedente. L’albero smart analizza tutte le foto inviate dai passanti da diversi canali, le interpreta e cambia il colore delle luci a seconda delle emozioni rilevate: verde per una faccia scontrosa, rosso per un’espressione felice e giallo per la sorpresa.
 
L’accuratezza del metodo di rilevazione del sentiment è stata anche sperimentata e verificata dal gruppo di ricerca VRAI (Vision, Robotics and Artificial Intelligence) del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università Politecnica delle Marche

Uno scenario in cui le macchine hanno sempre più capacità di calcolo sulle immagini e di interpretazione delle nostre emozioni sulla base al nostro linguaggio corporeo, apre a infinite possibilità di esperienze da vivere e provare. Sarà sempre più indispensabile cominciare a definire un’etica internazionale per l’intelligenza artificiale. Un futuro tutto da costruire nel quale i valori dovranno essere al centro, prima ancora della tecnologia.