La blockchain arriva al supermercato, per tracciare la filiera del pollo

Blockchain-al-supermercato_Sito.png

Da questo settembre in tutti i Carrefour d’Italia sarà possibile tracciare la filiera del pollo. Come? Con la tecnologia blockchain. Ventinove allevamenti, due mangimifici e un macello partecipano al progetto frutto di un patto di fiducia e chiarezza molto esplicito tra la grande distribuzione e la clientela finale.

Attraverso la blockchain Ethereum, che permette a tutti i soggetti della filiera di registrare le proprie informazioni, senza nessuna interferenza o alterazione dei dati dall’esterno, al consumatore sarà  data la possibilità di verificare direttamente, e in tempo reale, tutte le informazioni relative al prodotto acquistato: dall’allevamento al banco frigo.

I polli allevati all’aperto e senza antibiotici venduti a marchio Carrefour saranno dotati di un QR Code che, attraverso lo smartphone, trasferirà tutte le informazioni più salienti del prodotto: dalla nascita dell’animale, la razza e le sue caratteristiche alla data di macellazione, confezionamento e scadenza fino ad alcuni consigli per la cottura della carne!
L’esperimento, unico nel suo genere in Italia, parte con i polli ruspanti ma, nell’intenzione del colosso francese, è di estenderlo ad altri settori, basti pesare che Oltralpe dove il sistema del tracciamento dei polli è attivo già da inizio anno, sta per coinvolgere altri otto settori  animali e vegetali come uova, formaggio, latte, arance, pomodori, salmone e carne macinata.

Insomma un primo passo, dettato, come spiegano da Carrefour, dal desiderio di capire meglio, anche attraverso i clienti, quali sono i dati che ha valore raccogliere e condividere.

Ma perché serve davvero la blockchain ? Non è difficile leggere notizie simili, più difficile è leggere in poche parole perchè la blockchain, che ci riporta normalmente alla criptovaluta, possa essere un valore aggiunto. Ci proviamo noi, in quattro righe: la blockchain realizza un registro pubblico crittografato basato sul consenso distribuito. Qualsiasi modifica deve essere perciò autorizzata e condivisa con tutti i partecipanti. Questo semplice elemento garantisce la  trasparenza delle informazioni e la disponibilità totale delle stesse, in qualsiasi istante, direttamente in real time. Oggi non ci sono altri sistemi tecnologici in grado di garantire in sicurezza questa trasparenza e reattività: stiamo parlando di un nuovo mondo da esplorare.