Industria 4.0: alla Biennale Innovazione nuove regole del gioco per il Made in Italy

“In ogni caos c’è un cosmo”, diceva Jung. Così il crollo di antiche certezze può dare vita a nuove prospettive e a nuovi paradigmi, stimolando la creazione di nuove forme di condivisione, più libere ed efficaci. L’innovazione dei modelli di business è forse l’opportunità più rilevante offerta dalla quarta rivoluzione industriale alle PMI italiane, sia in termini di riduzione dei costi e di miglioramento della produttività, sia in termini di ripensamento dei processi produttivi e di migliore capacità di reagire in breve tempo alle esigenze del mercato: in poche parole ha cambiato le regole del gioco, permettendo a molte imprese di fare il loro ingresso in un mercato che, solo pochi anni fa, era di esclusivo dominio dei grandi nomi. È dunque possibile immaginare un Made in Italy 4.0? Questo l’interrogativo che animerà la Biennale Innovazione 2017, in programma il 23 e 24 giugno al Campus economico dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Giunta ormai alla sua terza edizione, la manifestazione mira a delineare gli impatti strategici della trasformazione digitale nel settore manifatturiero sui modelli di business delle imprese italiane. Due giorni di talk e approfondimenti che copriranno tutte le fasi della filiera, dalla progettazione e disegno del prodotto ai processi produttivi gestiti come spazi cyber fisici, dai sistemi di logistica e magazzinaggio fino al contatto digitale con il cliente finale, le cui abitudini d’acquisto sono oggi più che mai monitorabili grazie ai big data.

A partire dagli spunti offerti dall’industria 4.0, 9 rettori, 50 relatori e oltre 100 imprenditori e top manager cercheranno di intercettare tutte quelle l’opportunità che il nostro Paese può cogliere per sfruttare pienamente le proprie potenzialità, integrando e disciplinando le sue filiere produttive. Come? Passando da un modello frammentato a un modello di filiera interconnesso, in cui tutti i comparti si muovono in modo coordinato grazie a processi produttivi gestiti in real time.