Digital Fabrication: Democratizzare la fantasia con le stampanti 3D

venerdì, 21 aprile, 2017. design, salone del mobile, Stampanti 3D

La digital fabrication è il processo che permette di creare oggetti solidi e tridimensionali partendo da disegni digitali. Secondo alcuni è la protagonista di
una “nuova rivoluzione industriale” in grado di democratizzare la produzione di oggetti in un modo simile alla stampa di Gutenberg che democratizzò la conoscenza.

I modelli economici che si stanno sviluppando attorno ad essa sono chiamati “regenerative economic model” e prevedono di produrre valore attraverso una sensibile riduzione delle risorse economiche implicate. Si tratta di un universo molto complesso, come sapranno gli addetti ai lavori,  la cui punta dell’iceberg è rappresentata dalle stampanti 3D. Tra le recenti innovazioni le stampanti 3D
sono di sicuro una delle più affascinanti perché, lavorando per addizione di materia, strato su strato, permettono di realizzare forme e geometrie alternative rendendo possibile un nuovo approccio al design, alla distribuzione e all’acquisto dei beni fisici e alla produzione di oggetti fino ad oggi persino inesistenti

Le stampanti 3D sul mercato sono tante e si diversificano per prezzo – si va da poche migliaia di euro a un milione circa –  tecnologia di stampa,  tipologia di materiale (dai polimeri al metallo, dalla plastica fino alle cellule umane) ai settori di utilizzo ( dall’assistenza sanitaria, all’auto o la moda per fare qualche esempio). Non c’è da stupirsi quindi quanta fantasia abbiano sprigionato, insieme a creatività e l’immaginazione: all’ultimo Salone del Mobile di Milano, per esempio, è stato presentato un software in grado di generare in tempo reale forme e oggetti in base agli input emozionali o vocali che riceve.

Parliamo di valore economico. Difficile fare stime per un settore che si sta evolvendo così rapidamente ma secondo gli analisti di Gartner nel 2017 i prodotti stampati in 3D hanno superato il milione e, analizzando la relazione tra il numero di prodotti stampati in 3D e spediti in tutto il mondo ed i guadagni da essi derivanti per il periodo 2012- 2018. si evidenzia una crescita pari all’ 87,7%.

In 255 HEC srl la stampante 3D è già realtà da tempo per la realizzazione in scala di modelli ed idee che poi diventano innovazione e permettono analisi e considerazioni che una volta avrebbero richiesto tempi e costi molto superiori. Le analisi di fattibilità diventano spesso più rapide e le soluzioni più facili da cercare.

Potrebbe interessarti anche