Agritech, il futuro è qui: a Milano il più avanzato stabilimento di vertical farming in Europa

Planetfarm_Sito.png

Un “campo in verticale”: 9.000 metri quadrati di vertical farming, dove saranno coltivati ortaggi ed erbe aromatiche. Senza uso di pesticidi, senza OGM, con un risparmio di acqua del 97%. Con un sistema di intelligenza artificiale che, grazie a un sistema capillare di sensori controlla tutta la fase produttiva, dal seme al prodotto finale. Sembra il futuro, è già realtà.
 
L’azienda italiana Planet Farms ha infatti presentato il più grande e avanzato stabilimento di vertical farming in Italia ed Europa: sarà realizzato a Cavenago (MB) e la struttura si estenderà su oltre 9.000 metri quadrati. Forte di un sistema capillare di sensoristica e AI che permette il controllo costante di tutta la produzione, la vertical farm sarà una filiera integrata, dal seme al prodotto finale.
 
Come partner del progetto, noi di 255hec abbiamo sviluppato la tecnologia che fa funzionare lo stabilimento e coordinato le attività di ingegneria per tutta la parte di movimentazione ed automazione. Macchine “speciali”, studiate ad hoc, e software che controllano la vertical farm usando sensoristica e tecnologie innovative legate all’industry 4.0, ai Big Data e al Cloud. Il software sarà infatti in grado di segnalare in anticipo eventuali comportamenti “anomali” sia del seme che della produzione e delle macchine, per mettere in atto azioni correttive. Il tutto creando una grande rete di dati trasversale alle diverse Vertical Farms: «È un progetto altamente innovativo, in cui diversi ambiti – dalla robotica/ automazione ai metodi di stoccaggio, dalla cultura idroponica allo studio dei semi – si uniscono per poter ottenere un prodotto alimentare sostenibile e salutare, che non avrà più bisogno di pesticidi e diserbanti» spiega Paolo Meregalli, AD di 255hec. «Cambierà il modo di concepire la produzione agricola, rendendola possibile anche in città».

Il risultato? Basilico, erbe aromatiche e insalate in foglia cresceranno in ambienti con aria e acqua puri, con un risparmio di acqua del 97%, e saranno forniti freschi 365 giorni l’anno. Un sistema produttivo sano, sostenibile, perché riduce lo spreco di risorse, ed efficiente, perché permette di coltivare ovunque nel mondo, a prescindere dal clima, senza preoccuparsi del meteo e degli spazi.